Il dubbio linguistico

Moderatori: Pat !!!, Witch*

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda mareva » 22/01/2013, 12:28

fokina ha scritto:
mareva ha scritto:- per separare preposizioni


Immagino sia un errore di distrazione, proposizioni!
Per il resto non ho niente da dire, sono d'accordo!

Cosa ne dite se racchiudiamo tutte le "regole" in un primo post iniziale?


Ahahah, sì mannaggia a me!
.I'm sorry for my inability to let unimportant things go,
for my inability to hold on to the important things.
Avatar utente
mareva
 
Messaggi: 1676
Iscritto il: 25/08/2011, 10:34

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda Pat !!! » 22/01/2013, 22:28

Mi è capitato svariate volte di trovare due volte i due punti nella stessa frase.
Per intenderci "Inizio frase":"continuato della frase":"continuato e conclusione".
E' grammaticalmente corretto?
Qual è il suono della libertà? Quello di un orgasmo.

Immagine
Avatar utente
Pat !!!
 
Messaggi: 806
Iscritto il: 21/08/2011, 20:55
Località: Al sud del Veneto

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda Erin » 23/01/2013, 1:49

Io romperò un sacco le palle.
Do o dò, dà o da?
Avatar utente
Erin
 
Messaggi: 669
Iscritto il: 12/09/2011, 12:32

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda Andre~ » 23/01/2013, 12:02

Do senza accento, dà è accentato ma quando sta per "dai" abbreviato
allora serve l'apostrofo.
Correggetemi se ho detto cazzate perché tutto è possibile. :D
______________________________________________________________________________________________________

HO|PE


Donate, non costa nulla.

AVIS
AIDO
ADMO

Immagine
Avatar utente
Andre~
 
Messaggi: 1844
Iscritto il: 12/09/2011, 12:55
Località: Novara

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda mareva » 23/01/2013, 12:15

Andre~ ha scritto:Do senza accento, dà è accentato ma quando sta per "dai" abbreviato
allora serve l'apostrofo.
Correggetemi se ho detto cazzate perché tutto è possibile. :D


Riguardo dà è possibile fare un'ulteriore distinzione.
Si accenta per non confonderlo con la preposizione semplice "da", e si accenta quando è usato per indicare la terza persona singolare (egli dà). Quando viene utilizzato in luogo di "dai", quindi alla seconda persona dell'imperativo è possibile scriverlo senza accento o con l'apostrofo da', come forma apocopata. E a parer mio più corretta.

Riguardo do leggevo che sono considerate corrette entrambe le grafie e l'accento è preferibile laddove ci si possa confondere con la nota musicale.


Riguardo ai due punti ripetuti: nelle grammatiche che ho letto sono sconsigliati ma non sono comunque considerati errore. In letteratura, ad esempio, Gadda ne è stato un grandissimo fruitore.
Però qui passo la palla a Micol.
.I'm sorry for my inability to let unimportant things go,
for my inability to hold on to the important things.
Avatar utente
mareva
 
Messaggi: 1676
Iscritto il: 25/08/2011, 10:34

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda Andre~ » 23/01/2013, 14:11

mareva ha scritto:Riguardo dà è possibile fare un'ulteriore distinzione.
Si accenta per non confonderlo con la preposizione semplice "da", e si accenta quando è usato per indicare la terza persona singolare (egli dà). Quando viene utilizzato in luogo di "dai", quindi alla seconda persona dell'imperativo è possibile scriverlo senza accento o con l'apostrofo da', come forma apocopata. E a parer mio più corretta.

Riguardo do leggevo che sono considerate corrette entrambe le grafie e l'accento è preferibile laddove ci si possa confondere con la nota musicale.


Brava, sei stata più chiara. :)
Dei due punti io non lo sapevo, ma non mi piace affatto usarli più di una volta
in una frase e io ho sempre evitato.
______________________________________________________________________________________________________

HO|PE


Donate, non costa nulla.

AVIS
AIDO
ADMO

Immagine
Avatar utente
Andre~
 
Messaggi: 1844
Iscritto il: 12/09/2011, 12:55
Località: Novara

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda fokina » 23/01/2013, 21:45

Confermo quello che ha scritto Mareva su do/dò da/dà, mentre per quanto riguarda i due punti non ho la grammatica sotto mano e non vorrei dire castronerie!
Words don't come easily.
Avatar utente
fokina
 
Messaggi: 3126
Iscritto il: 21/08/2011, 23:53
Località: Berlino

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda Neb » 26/01/2013, 7:16

Ne approfitto per chiedere una cosa sugli accenti: quando usare "è" e quando "é"?
Nel senso, c'è un modo per capire quando usare uno piuttosto che l'altro o bisogna imparare ogni caso?

Homo Gothikus Industrialis
Avatar utente
Neb
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 12/09/2011, 0:54
Località: Ancoma

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda Pat !!! » 26/01/2013, 14:41

Io baso tutto sulla pronuncia. La e con accento tonico (é) ha una pronuncia più chiusa, acuta, come in "perché/ affinché/ benché" , mentre la e con accento grave (è) è ovviamente la 3^ persona singolare indicativo presente del verbo essere, la puoi trovare in "cioè" o altri lemmi di derivazione straniera tipo "tè / caffè/ coccodè / gilè / canapè" o parole antiquate "diè = diede/ piè = piede".
Se qualcuno deve aggiungere qualcosa o correggermi faccia pure :D
Devo ammettere che far francese per molti anni aiuta moltissimo col problema degli accenti.
Qual è il suono della libertà? Quello di un orgasmo.

Immagine
Avatar utente
Pat !!!
 
Messaggi: 806
Iscritto il: 21/08/2011, 20:55
Località: Al sud del Veneto

Re: Il dubbio linguistico

Messaggioda Neb » 27/01/2013, 9:13

Praticamente bisogna avere una pronuncia perfetta... Sono spacciata XD

Homo Gothikus Industrialis
Avatar utente
Neb
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 12/09/2011, 0:54
Località: Ancoma

PrecedenteProssimo

Torna a Divagazioni, Ruote Libere, Isterismi Sociali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron