[simbologia] Fiori

Moderatore: Witch*

[simbologia] Fiori

Messaggioda Witch* » 17/10/2011, 0:45

Ditelo con un fiore: per quanto la frase possa essere scontata i fiori hanno un preciso significato che va al di là della loro bellezza. Che siano solo di contorno o il soggetto principale, i fiori nei tatuaggi sono diffusi da sempre e qui di seguito analizzeremo a grandi linee i principali soggetti.

La rosa
Il simbolo d'amore per eccellenza, ma non solo: la sua struttura concentrica richiama l'idea della ruota e, di conseguenza, lo scorrere del tempo e il ciclo vita-morte-vita. Tuttavia l'associazione con i sentimenti amorosi è quella più forte e conosciuta. La colorazione dei petali definisce con maggior dettaglio il sentimento:
rosso: amore passionale
bianco: amore puro
giallo: gelosia o amore al termine.

I Fiori di Ciliegio
Sono la rappresentazione di tutto ciò che è effimero e di breve durata. I sakura sono per eccellenza il simbolo del samurai e del guerriero. Come la fioritura del ciliegio è un evento meraviglioso e di breve durata, così è la vita del samurai: intensa, splendente e incerta.
Per la loro fioritura primaverile i sakura sono pure considerati simbolo di rinnovamento della vita.

Il Loto
Il suo significato in Asia è legato soprattutto alla sua caratteristica di riuscire a nascere e sbocciare da acque stagnanti, simboleggiando così la purezza e la realizzazione spirituale.
Per il buddhismo ogni varietà di questo fiore corrisponde a uno stato spirituale:
bianco: simboleggia la purezza mentale e la perfezione spirituale del Buddha;
rosa: è simbolo del padre fondatore del buddhismo
rosso: rappresenta la compassione per ogni essere
azzurro: è la sapienza, per questo motivo viene sempre rappresentato come bocciolo, senza mai rappresentare il suo interno.
Per gli induisti il loto rappresenta invece la creazione del mondo, che sorge dalle acque oscure. Inoltre la rigidità dello stelo richiama la fermezza, l'abbondanza dei suoi semi ricorda la prosperità e il fatto che sulla stessa pianta siano presenti boccioli, fiori aperti e semi rappresenta lo scorrere del tempo: passato presente e futuro.

Il Crisantemo
Quello che per la nostra tradizione è un fiore legato alla morte e alla commemorazione dei defunti, in oriente ha tutt'altra sorte. Infatti il crisantemo è considerato il più nobile dei fiori in Giappone, tanto da essere il simbolo della famiglia imperiale. In generale comunque questo fiore è simbolo di lunga vita, pace e felicità. Nel linguaggio dei fiori il crisantemo bianco significa "verità", quello rosso "amore"

La Peonia
Deriva il suo nome da Peone, il medico degli dèi della mitologia greca, che con questo fiore curò Plutone dalle ferite causate da Ercole.
In Cina la peonia è considerata la regina dei fiori ed è simbolo di ricchezza, buon auspicio e prosperità. In Giappone spesso viene rappresentata assieme ai Karajishi, i leoni di pietra a guardia degli ingressi dei templi buddhisti.

Il Giglio
Fin dall'antichità è stato considerato simbolo di fertilità, per via della sua eccezionale capacità di riprodursi. Fu associato logicamente alle Grandi Madri e divenne il fiore sacro dei culti femminili, legati alla sessualità e alla fecondità. Nella bibbia il giglio simboleggia bellezza e purezza. Infine per la sua capacità di sbocciare dal fango mantenendo intatta la sua purezza lo si può paragonare al loto come simbolo della realizzazione spirituale.

L'Ibisco
I "fiori della malia", affascinanti e vivaci, sono considerati simbolo del desiderio sessuale e del cambiamento. I suoi fiori, stupendi e delicati, rappresentano tutto ciò che è bello e fuggevole: la bellezza, la gioventù, la passione.

L'Orchidea
Secondo la mitologia greca la prima orchidea nacque dalla metamorfosi delle spoglie di Orchis, bellissimo e focoso giovane che osò insidiare una sacerdotessa di Dioniso. Fu punito dagli dèi facendolo sbranare dalle belve e i suoi resti vennero trasformati in una pianta esile e delicata, opposto di ciò che era in vita, ma che nelle radici mantenesse il ricordo di ciò che fu la sua rovina: i testicoli. Per via di questa leggenda l'orchidea è sempre stata considerata come una pianta dalle grandi virtù afrodisiache.
Per il suo aspetto è pure associata alla raffinatezza, al lusso e all'eleganza, ma senza perdere il suo antico riferimento alla sensualità e alla passione.


(da "Fiori sulla pelle", Nadir)
Immagine

"Gaudentes ed exsultantes, si taliterse in ferinas specie transformaverint. Ut homini non esse videantur"
[Gioiosi ed esultanti, perché così trasformati in specie animali da non sembrare più uomini]
(Cesario di Arles VI sec. d.C.)
Avatar utente
Witch*
 
Messaggi: 1274
Iscritto il: 25/08/2011, 16:45
Località: Salem's Lot

Torna a Cura, Simbologia e Stili Tatuaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron