Gioielleria per piercing guariti (originale APP)

Gioielleria per piercing guariti (originale APP)

Messaggioda fokina » 14/02/2012, 22:38

Ringrazio l'APP e in particolare Brian Skellie, con il quale ho parlato personalmente, per la concessione dei loro testi e la possibilità di tradurli e postarli all'interno del nostro forum.

http://www.safepiercing.org/piercing/je ... piercings/ link diretto al documento in inglese


Copyright © BMI 2012
Gioielleria per piercing guariti


Se vi piace il gioiello che state indossando - By veste perfettamente* ed è di alta qualità, potete indossarlo anche per sempre. Quando si tratta di gioielleria iniziale, sono importanti la forma e la funzionalità e per questo la scelta è limitata. Tuttavia, quando il vostro piercing sarà guarito, avrete innumerevoli scelte e sarà sicuro cambiare il gioiello se tutte le condizioni seguenti saranno soddisfatte:
- Non sarà dolorante
- Il tempo minimo per la guarigione primaria sarà passato
- Non ci saranno più secrezioni o crosticine.
La misura, il materiale, la qualità e lo stile (assieme al peso e alla finitura) sono variabili che determinano se un gioiello è adatto o meno all'uso quotidiano, poiché alcuni possono invece essere indossati solamente per un paio d'ore.


Inserzione del gioiello
E' consueto per i piercer inserire un nuovo gioiello gratuitamente o per una piccola somma di denaro: possono infatti aiutarvi nella scelta della giusta misura e del giusto tipo di gioiello per la vostra anatomia, oltre ad avere un ambiente adeguato e strumenti appropriati in caso di bisogno.
Se invece decidete di cambiare il gioiello a casa:

- Assicuratevi che l'area del foro e di lavoro, le vostre mani ed il gioiello siano puliti.
- Bagnate il foro e/o lubrificate il gioiello per facilitarne la rimozione e per facilitare l'inserimento di quello nuovo, poiché i fori sono spesso piuttosto stretti.
- Mai forzare o spingere violentemente il gioiello: può danneggiare il tessuto.
- Se il gioiello non entra con facilità, rivolgetevi ad un piercer.

Sostituire immediatamente qualsiasi gioiello che causa irritazione, prurito, gonfiore o rossore, non importa se vi piace come vi sta.


Materiali alternativi
Oltre ai materiali utilizzati normalmente per i piercing in via di guarigione, i fori cicatrizzati possono tollerare (o migliorare la propria condizione con) gioielleria artigianale o materiali alternativi come corno, osso, legno, ambra, pietra ed altri prodotti naturali. Questi materiali chiamati “naturali” o “organici” vengono usati come gioielli da piercing da sempre e in tutto il mondo. Inoltre esistono anche materiali artificiali come alcune plastiche (inclusi l'acrilico e il silicone) e il vetro. Come tutti i gioielli da piercing, questi prodotti variano in base alla qualità e alla vestibilità.

Scegliete il vostro gioiello in base al vostro stile di vita, al vostro budget e ovviamente all'estetica:
- Molti materiali sono fragili rispetto al metallo, quindi gioielli appuntiti o con parti molto fini potrebbero rompersi facilmente.
- Potrebbero non essere sicuri durante lo sport o durante la notte e dovrebbero essere tolti durante la doccia e durante una nuotata.
- Gli ornamenti estremamente pesanti sono raramente adatti all'uso quotidiano.
- I gioielli incisi, ritorti o opachi potrebbero causare irritazione.
- Crepe, fori e superfici irregolari sono comuni nei materiali naturali e sono potenziali ricettacoli di batteri: sono quindi da tenere sotto controllo.


Rimozione del gioiello
La rimozione, anche momentanea, del gioiello da un foro guarito potrebbe causare un restringimento dell'area e rendere quindi complicato o addirittura impossibile il reinserimento. Molti fori si restringono rapidamente anche dopo la completa guarigione. Nelle settimane successive, l'area si stabilizzerà e il canale, che per il primo mese/ i primi due mesi non mostrerà significativi cambiamenti, si rimpicciolirà o si chiuderà completamente.
Bisogna fare le proprie considerazioni prima di togliere per sempre un piercing: la reinserzione in un foro ristretto potrebbe essere più dolorosa della foratura originale, ma se il foro è ancora presente e può essere dilatato, allora riforare non sarà necessario. Se il posizionamento iniziale era corretto, un nuovo riposizionamento non è consigliato.
In caso di problemi con un piercing, non è consigliato toglierlo per poi reinserirlo o riforarlo successivamente. Se si rifora nella sede di un piercing precedentemente tolto, si può incorrere in problemi come tessuro cicatriziale in esubero, guarigione rallentata e altri ancora.


Ci sono vari tipi di gioielli comuni e variazioni sul tema. Se si desidera rimuoverli:
Tipo 1: Anelli a pressione che possono essere aperti piegandoli e/o rimuovendo una sfera o altri elementi ad incastro.

- Anello a sfera fissa
- Ma anche senza sfera, continui
Su un anello a sfera fissa, la sfera è unita ad un'estremità dell'anello. Tenendo l'anello da entrambe le estermità, tirate delicatamente e una di esse uscirà dalla sfera. Spingete verso l'esterno un'estremità e tirate l'altra verso di voi, aprendo così l'anello come se fosse una spirale. Anche la variante senza sfera si apre in questo modo.

- Gioielleria a incastro
- Segment ring e captive tube (anelli che si chiudono con un piccolo segmento a incastro) e simili
Il pezzo ad incastro di un captive ring (anello ad incastro) è fissato grazie alla tensione dell'anello.
Tenete l'anello accanto alla componente ad incastro e con l'altra mano tenete la componente stessa. Tirate delicatamente le due parti in direzioni opposte e la parte ad incastro dovrebbe uscire dall'anello.
Per rimuoverlo, piegare leggermente l'anello (come se steste aprendo un anello a sfera fissa.) e ruotate il gioiello per farlo uscire dal foro.
Attenzione: potrebbe essere necessario utilizzare delle pinze per aprire e/o chiudere dei gioielli a incastro, in base al materiale, diametro, calibro e qualità del gioiello (Vedere “Strumenti”.)


Tipo 2: Gioielli che hanno estremità filettate da svitare.

- Gioielleria filettata
- Barre dritte, barre curve e Circular Barbell; barre a J, stud da labret, screw-on-ball ring (anelli con una sola estremità da avvitare), flesh tunnel e barre da surface
Le barre e le loro varianti hanno estremità a cui si possono avvitare componenti filettate. Come la maggior parte degli oggetti con una filettatura a vite, si avvitano in senso orario e si svitano in senso antiorario.


Tipo 3: Gioielli a pressione

- Gioielleria a pressione
- Di solito barre dritte o curve non filettate
Per aprire il gioiello, basta semplicemente tirare in senso opposto le parti. Se state cercando di rimuovere gioielleria che non si svita girando in senso anti-orario come pensavate, probabilmente avete a che fare con un gioiello a pressione.


Tipo 4: Gioielli senza supporti, mantenuti in sede grazie alla gravità, altri gioielli o con un o-ring. Per l'inserzione è sufficiente spingerli nel foro.
- Gioielleria senza supporti
- Plug/eyelet con una flangia o senza, gioielli da capezzolo (nipple shield), gioielli da lobo con varie forme, retainer da sopracciglio.
Questi gioielli possono essere rimossi con facilità semplicemente spingendoli fuori. Rimuovere l'o-ring o il gioiello in aggiunta se necessario. Se il gioiello non si muove con facilità, può essere d'aiuto utilizzare un po' di lubrificante.


Tipo 5: Gioielli mantenuti in sede grazie alla loro forma e che richiedono (al caso) un po' di pressione per essere rimossi.

- Gioielleria mantenuta in sede grazie alla forma
- Gioelli da narice, retainer da setto, plug/eyelet con doppia flangia, gioielli da setto con scanalatura, gioielli da lobo con varie forme.
Quiesti gioielli vengono mantenuti in sede grazie alla loro forma. Nel corso del tempo potrebbero allentarsi. Alcuni gioielli potrebbero richiedere l'assistenza del piercer.

- Microdermal (o surface anchor)
I surface anchor sono diventati molto popolari. La minuscola base a L inserita sottopelle è fissa, anche se generalmente il gioiello è filettato e la testa può essere cambiata.


Strumenti
- Pinze per aprire/allargare gli anelli – Possono essere usate per allargare l'apertura di un anello a incastro quanto basta per inserire o rimuovere la parte ad incastro. Mettete il becco della pinza all'interno dell'anello e stringete i bracci per aprire il becco, aprendo così l'anello abbastanza da far uscire la sfera.
- Pinze per chiudere gli anelli – Possono essere usate per stringere gli anelli ad incastro che sono stati aperti troppo dalle pinze precedenti, o per inserire una parte removibile più piccola rispetto a quella precedentemente inserita.


Retainer
La maggior parte dei piercer può offrire una vasta gamma di retainer:
- Alcuni sono pensati appositamente per certi tipi di piercing, mentre altri possono essere usati in modo più versatile
- I retainer possono essere indossati per nascondere i piercing
- I retainer possono inoltre essere indossati per mantenere il foro aperto quando la gioielleria metallica dev'essere rimossa, ad esempio durante lo sport o durante alcune visite mediche.


Procedure mediche o dentarie

Molti lavoratori nell'ambito sanitario insistono che è necessario rimuovere il piercing per tutte le procedure o i controlli medici, in particolar modo se l'area in questione si trova accando al foro stesso. Se pensate di non riuscire a reinserire il gioiello una volta tolto, prendete queste precauzioni per salvare il vostro piercing:
- Parlate del vostro piercing con il vostro dottore o dentista prima di fissare una visita o una cura che potrebbe essere compromessa dal gioiello
- Il vostro piercer dovrebbe essere in grado di consigliarvi professionisti informati sui piercing oppure di aiutarvi a informarvi il vostro medico e forse così riuscirete a salvare il piercing
- Informatevi sulla possibilità di tenere un gioiello in materiale non metallico durante l'esame o la visita
- Prendete un retainer prima dell'appuntamento e chiedete al piercer di inserirlo se non sapete farlo
- Se non riuscite a trovare un retainer in tempo, un inseritore per il filo interdentale (disponibile negli studi dentistici) o un catetere sterile di un ago cannula (disponibile negli ospedali) possono andare bene come retainer


Reinserimento del gioiello dopo la rimozione
Se il foro è ancora aperto e non si è ristretto troppo, il piercer può usare uno strumento chiamato inseritore conico per inserire il gioiello nel foro senza riforare. Inizialmente, potrebbe essere necessario usare un gioiello di calibro minore se il foro si è ristretto troppo da non permettere l'inserimento del gioiello che indossavate.


Emergenza piercing
Gli incidenti capitano di tanto in tanto, anche con gioielli di qualità. Per minimizzare le probabilità di perdere il gioiello, controllate regolarmente che il gioiello sia ben stretto e controllate che le sfere siano ben inserite negli anelli a pressione. Se perdete una sfera, ecco alcuni accorgimenti che potrebbero aiutarvi a non perdere tutto il piercing fino a che non andate dal piercer:
- Gomma da cancellare – Utilizzate un pezzettino pulito di gomma da cancellare e tagliatelo della misura e della forma desiderate. Posizionatelo all'estremità della barra o tra le estremità dell'anello di cui avete perso la sfera per mantenere il gioiello in sede
- Cerotti o nastro adesivo per medicazioni – Applicatelo al vostro gioiello o direttamente sul corpo in modo tale da non perdere il gioiello



* Per quanto riguarda i piercing orali, come quelli al labbro o alla lingua, il gioiello iniziale dev'essere sostituito con uno più corto nonappena il gonfiore sarà scomparso.



Link al sito: http://www.safepiercing.com
Il nome APP e il logo sono marchi registrati della Associazione Professionale di Piercers. Se non diversamente indicato, contenuti di questo sito è sotto licenza : Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works License.



Traduzione a cura di Micol Devescovi.

In caso di riproduzione anche parziale, citare l'autore della traduzione e il forum da cui è stata presa http://www.bodymoditalia.altervista.org/
Words don't come easily.
Avatar utente
fokina
 
Messaggi: 3126
Iscritto il: 21/08/2011, 23:53
Località: Berlino

Torna a FAQ e Guide

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron